Una misteriosa donna: “Semiramide”
 
Tra i personaggi che diedero lustro a Sarezzo potremmo citare gli Avogadro, feudatari di nomina vescovile, o i Bailo, celebri produttori di artiglierie, le significative figure di religiosi padre Fortunato Redolfi (1777 – 1850), don Lorenzo Pintozzi (1820 – 1894), don Felice Bonomi (1908 – 1992) originario di Lumezzane, e tanti altri personaggi della cultura, dell’arte, dello sport (un saretino prese parte al primo epico Giro d’Italia), ma una figura che affascina e stuzzica la fantasia è senz’altro rappresentato dalla misteriosa chiromante ed esoterica Elisa Gazzo Semiramide (1907 – 1962). Semiramide – così era conosciuta a Sarezzo – era la moglie del pubblicista e giornalista mantovano Gino Ghidoni; i due si sposarono nel 1929 e vissero a Brescia sino al 1953. In città la chiromante, laureatasi in psicologia, aprì uno studio in via Aleardi, collaborando anche a riviste di psicografologia e facendo parte di molte accademie scientifiche in Italia e all’estero. La decisione di costruire una casa lontano dal centro urbano, isolata e immersa nel verde della Valle Trompia, a Sarezzo (che allora era circondato come tutti i centri della valle da prati e campi) fu presa per garantire alla figlia Rosa, minorata fisica e psichica, un ambiente protetto. Nacque così Villa Usignolo, da piccola cascina contadina una grande casa con annesso parco, acquistata dal Comune alla fine degli anni ’80 e oggi, previa ristrutturazione, sede di alcuni servizi comunali. La villa fu meta, nel corso degli anni che Semiramide vi abitò, di visite di personaggi illustri: chiromanti di fama mondiale, grafologi, psicologi, psichiatri, ma anche personaggi celebri e mondani dell’ambiente della cultura, dello spettacolo e dell’arte. Tra le persone che si ha prova (documenti, fotografie, carteggi presso l’Archivio Ghidoni) la moglie di G. D’Annunzio Maria Hardouin principessa di Montenevoso, sua cara amica; tra i personaggi politici basti citare i nomi di Umberto II di Savoia, Italo Balbo, Augusto Turati, Piero Bargellini; tra gli sportivi il campione del mondo dei mondiali di calcio del 1934 e 1938 Silvio Piola; tra gli attori Vittorio Gassman e Gina Lollobrigida.
Elisa Gazzo Semiramide fu anche autrice di libri nel suo campo; essi furono scritti soprattutto negli anni passati a Sarezzo, tra cui: Le più note personalità attraverso le loro scrittureLa grafologia scientifica e Le mie novelle.
La figura della donna alimentò anche leggende sulla villa: si vociferava di urla sinistre, versi animaleschi che si udivano provenire dalla villa; di mostruose deformità della povera figlia ridotta a vivere, pur con tutta l’assistenza di servitù e infermiere, in uno stato di grave deficienza psico-fisica. Resta il fatto che questa donna dal notevole fascino e dalla indubbia sensitività esercitò la propria professione venendo in contatto con personaggi di assoluto rilievo che, per lei, entrarono sia pur indirettamente in contatto con il paese di Sarezzo.
Visite agli articoli
188289