La lèngua la gha mìa dè òs ma la scaèsa dè gròs
(la lingua non possiede ossa ma spezza di grosso, nel senso che ferisce più la lingua della spada )

L’è mèi ön catìf crèdèt che ön bu dèbet
( meglio avere un cattivo credito che un buon debito )

Coi sólcc èn borsa se fa balà l’órs el’órsa
( con i soldi in borsa si fa ballare orso ed orsa ovvero: chi ha i soldi detta legge )

Braghe onte palanche pronte
( chi lavora “Pantaloni sporchi dall'unto della fabbrica” non ha problemi finanziari )

Quant se fabbrica senza or e senza arzènt envece de cumprà se ènt
( quando si fabbrica senza oro e argento invece di comprare si vende “ chi fabbrica con prestiti o cambiali un giorno perderà tutto )

Èl casèt l’è sant e benedèt
( la cassa è santa e benedetta “ chi commercia arricchisce facilmente “)

Endóe ghè né ghe’n va
( dive ce n’è ci va ancora di più )

Èndóè ghè la merda la ghe sta
( dove c’è la miseria rimane ) .

Per nient èl mena la cua gna l’cà
( per nulla non muove la coda neppure il cane )

Chi no gha misüra no la düra
( finisce male chi non ha il senso della misura )

Èl laurà dè la festa èl ve dét de la porta èl va fò dè la finestra.
Il lavoro della festa entra dalla porta ed esce dalla finestra: Chi non rispetta il riposo festivo, alla fine non trae alcun vantaggio)

Quand ghè pa e pagn l’è bu töt l’an
( Chi vive negli agi non ha altri pensieri )

La dìs la santa scritüra de fa laurà i veci entàt che i düra.
( dice la sacra scrittura di fare lavorare gli anziani intanto che possono ancora rendere ).

Casadur dè osèi e pescadur de l’ am mester dè mörèr dè fam.
( Cacciatori di uccelli e pescatori con la lenza sono mestieri che portano poco guadagno )

Bötà l’àola per ciapà la tènca
( buttare l’alborella per prendere la tinca: dare poco per valere molto i cambio).

Per négàs bisogna na èn dèl mar
( per annegare bisogna entrare nel mare: è preferibile scegliere il meglio anche se può costare caro).

Ale fomne èl ghè la fa apéna èl lat.
( Le donne sono beffate solamente dal latte che tracima dal pentolino )

Spusa bagnada spusa fürtünada
( sposa bagnata sposa fortunata )

Èl compar dè l’anèl l’è padrù dè meza pèl
( il copare dell’anello può vantare dei diritti sulla sposa )

Endòe no murusa fo èndòe pase murusa lase.
( dove vado faccio la morosa, dove passo l’abbandono )

I segrécc de le fomne i la sa nisü, fò che me , te e l’comü
( i segreti delle donne sono di pubblico dominio. Non li sa nessuno tranne che io te e il Comune )

La gha mia culpa la gàta se la maséra l’è mata.
( non ha colpa la gatta se la massaia è sbadata)

Bisogna ardas da la tèmpesta, da la brina e da le fomne che va a mèsa prima
(èl maitì bisogna guardarsi dalla grandine dalla brina e dalle donne bigotte. )

Quando l’amur èl ghè, la gamba la tira èl pè
( quando l’amore c’è la gamba tira il piede, ovvero si va verso l’amata).

Bisogna iga pora dèl föch, dè l’aiva dèl vènt e dèla zent che parla lènt.
( bisogna diffidare del fuoco, dell’acqua del vento e di chi parla con flemma )

Quando la barba la tàca a ingrizì, lasa le fomne e tachèt al vì
( quando la barba inizia ad ingrigire , molla le donne passa al vino )

Èn cà ghè sempèr piaghe se l’òm èl gha èl bigaröl e la fomna le braghe.
( in casa ci saranno sempre piaghe se l’uomo ha il grembiule e le donna i pantaloni )

A dèentà ecc cala le bale e crèss i difècc
( a diventare vecchi diminuiscono le forze e il vigore e crescono i difetti )

Se l’è mia èn luf l’è ön cà gròs
( se non è un lupo è un grosso cane, nel senso che se non è una cosa gli somiglia molto )

Nèl paés dei òrp i la fa bé i sguèrs
( nel paese dei ciechi la fanno bene gli strabici, ovvero fra le nullità primeggiano i mediocri )

Amùr dè fradèi amùr dè cortèi
( amore di fratelli amore di coltelli, riferito ai frequenti dissapori tra parenti stretti )

Chi nàs dè sòch i sènt dè lègn
( Chi nasce dal ceppo sa di legno, in riferimento ai difetto dei genitori ereditati dai figli )

Fiöi e cà come sèi léa se ghe i à
( figlie cani si ottengono come si allevano )


A sèt agn i è pötèi a setanta i è amò chèi
( a sette anni sono bambini a settanta pure )

Ën po pèr ü fa mal a nisü
( un po’ per uno non danneggia nessuno)

Ën po pèr ü èn bras a la màma
( un poco per uno in braccio alla mamma, ovvero bisogna imparare la condivisione dei beni e delle cose )

Per amur dèi gnòch se leca po’ a la bazia
( per amore degli gnocchi si lecca anche la terrina, dimostrarsi solleciti verso qualcuno per raggiungere il proprio scopo )

Ën mancansa dèi caài se fa trotà po’ a i asègn
( bisogna fare di necessità virtù, in mancanza di cavalli si fanno trottare gli asini )

Comanda dè piö la serva dè 'n prèt, che 'na moèr.
Comanda di più la serva di un prete che mia moglie.

Dòta preparada, pöta desmèntegada.
Colei che prepara presto la sua dote, è più facile che venga dimenticata.

Na spusa buna nò l'è mai galina capùna.
Una sposa buona non ha tempo per ingrassare.

Sorèc, somèghè, scaraàa e scurpiù, de la bràa massèra jè la disperassiù
Topi, cimici e scorpioni, della brava massaia sono la disperazione.

Fòmne, cà e bacalà per fai deèntà bù, jè dè pestà.
Donne, cani e baccalà per farli diventare buoni bisogna batterli.

La fòmna bùna la te 'n pé la cà, chèla catìa la la ruinarà. .
La massaia brava terrà in piedi la casa, quella cattiva la demolirà

Ghè mia caàgna rota che la ale mia amò argota
( Non c’è cesta rotta che non possa valere ancora qualcosa, tutto più servire )

Ön strass dè caagn èl vé bu na olta l’an
(anche un cesto malandato viene buono una volta all'anno)

Emprèsta, emprestöla so rèstat senza camizöla
( Presta tu che ti presta sono rimasto senza camicia, a furia di prestare si va in malora)

Chi tè mia a ma l’aiva e la legna söl föc i te a ma èn nesö löc.
( Chi non risparmia acqua e legna sul fuoco, non risparmia in nessuna circostanza )

Ghè tata aiva nèla mèla come i solcc nèla mé scarsèla
( C’è tanta acqua nel fiume Mella come i soldi nelle mie tasche, sono poverissimo )

I coió dèi ca e i solcc dèi poerècc iè i prim che se èt
( I testicoli dei cani e i soldi dei poveri sono i primi che si vedono, nel senso che raramente i ricchi mettono in mostra i loro beni )

Ghè s’è dervìt le ciaèghe
( Gli si sono aperte le Chiaviche, ovvero gli sorride la fortuna )

Prometèr Roma e Toma
( Promettere Roma e Toma, ovvero mari e monti e cose improbabili. Derivante dalla corruzione della frase latina” Roma et Omnia,” cioè Roma e tutte le cose )

Söl bèl dè l’ozelà, ghè mort la saèta
Sul bello dell’uccellare è morta la civetta, ovvero essere senza qualcosa di immediatamente necessario )

Èl pöl scüzà la amò ön po
( si riferisce ad un oggetto o abito in pessime condizioni ma che si può utilizzare ancora un poco )

La boca nò l’è straca se no la sènt dè aca
( la bocca non è stanza se non sente di mucca, un buon pasto va concluso con un formaggio )

Pa e nus, maià dè spus, nus e pa maià dè ca
( pane e noci pranzo da sposi noci e pane pranzo da cane, forse allusione all'incapacità iniziale di cucinare delle spose novelle, prima scusata dal marito poi sopportata malamente)

A Pasqua e Nedàl ognü al sò casàl
( A Pasqua e Natale ognuno alla sua casa )

L’Epifania töte le feste la porta via
( L’Epifania chiude le feste di natale e anche fin a Pasqua)

Ön past bù e ön past mezà èl manté l’òm sa
( un pasto intero e un mezzo pasto mantengono l’uomo sano )

Chi gà mia antadùr i sé anta dè per lur.
( chi non ha chi lo stima si stima da solo )

A chèi segnacc da Dio staga tré pass endrìo.
( Stai tre passi lontano da quelli segnati da Dio, cioè da quelli con menomazioni fisiche )

Per la compagnia èl s’è maridat a ‘n fra.
( per amore della compagnia, si è sposato anche un frate)

La gata frisuza la fa i micì òrp
( la gatta frettolosa fa i gattini ciechi, la fretta è cattiva consigliera )

L’è mèi ön gra dè pér che ön fich dè azèn
( meglio un grano di pepe che una cacca di asino, la qualità a volte,vale più della quantità )