Quand èl Gölèm èl ga èl capèl, o che l’ piöf o chè l’ fa bèl
( Quando il monte Guglielmo è coperto da un cappello , di nebbia o nuvole, o piove o fa bello, nel senso che è difficile prevedere il tempo).

Quando l’àiva la ve dè Visàla nò la fàla
( Quando la perturbazione viene dalla località Visalla, porta di sicuro pioggia )

Quando l’ àiva la ve dè Ludrì, nò la pasa èl cunfì
( Quando la perturbazione viene da Lodrino, non supera i confini del paese )

Quand chè l’àiva la vé dèl Palòs sèn ghé l’ha à ca dòs
( Quando la perturbazione viene dal monte Palosso ci coglie di sorpresa, l’abbiamo addosso prima di rendercene conto).

Quand che l’àiva la ve dè Visala la ria töta nguàla
( Quando la pioggia arriva da Visalla cade uniforme su tutta la zona),

Quant chè l’àiva la ria dè crus dè Posöl, èn vé quata ghe’n völ
( Quando l’acqua arriva dalla croce di Pezzuolo ne arriva quanta ne serve)

Séré dè nòt se’l düra n’ura èl düra a tròp
(Una notte serena non è garanzia di bel tempo duraturo )

Pa, vì e sòche e làsa che’l fiòche
( Pane, vino e legna a sufficienza e può pure venire la neve, cioè si passa tranquillamente l’inverno)

A Nadàl èl pas dèl gal, a Pasquèta ön’ urèta
( A Natale le giornate si allungano anche se in modo impercettibile, come il passo di un gallo, a Pasquetta si sono già allungate di un ora).

A Sant’ Antone ön urone
( A Sant'Antonio, 17 gennaio, il giorno si allunga di una buona ora )

A San Faustì èl sul èl bat sö töcc i dusilì
( A San Faustino, 15 febbraio, il sole batte su tutti i dossi )

Quand èl sul èl turna èndré èl fa bèl èl dé chè é
( Quando il sole si presenta al tramonto, si prevede una bella giornata )

A Sant’Agnes la lözerta l’è fò dè la sés
( A Sant'Agnese, 22 gennaio, la lucertola esce dalla siepe per la sua prima apparizione )

Nebbia bàsa bèl tèmp la làsa
( Quando la nebbia ristagna nelle valli si prevede una bella giornata )

Se l’piöf èl dé dè la Santa crus, quaranta dé piöus
( Se piove il giorno della Santa Croce, 3 maggio, pioverà per 40 giorni)

Se l’piöf èl dé dè la Candelòra, dè l’inverno èn sé za fòra; se ‘l fa sul o se ‘l fa vènt, ne l’inverno èn se turna dènt.
( Se piove il giorno della Candelora, 2 febbraio, dall'inferno siamo fuori, ma se c’è il sole o tira vento, nell'inverno siamo ancora dentro)

L’àiva dè ost la rinfresca èl bosch
( La pioggia di agosto rinfresca il bosco)

Nìgoi èn cagiàda, se spera ‘na serenàda
( Le nubi che si disfano fanno sperare un tempo sereno)

Quand èl fiòca sö la fòia dè fa l’inverno èl gha mia òia
( Quando nevica sulla foglia, in anticipo , si prevede un inverno mite )

La néf disembrina trè més la cunfina
( La neve che cade in dicembre rimane per tre mesi )

Sant’ Antone e San Faüstì, mercancc dè néf
( Sant Antonio, 17 gennaio, e san Faustino , 15 febbraio, portano la neve)

Fina ai quaranta dè Mas i è bu töcc i stràss
( Fino ai quaranta giorni di maggio, cioè la prima metà di Giugno, è opportuno indossare indumenti pesanti )

Nè l’ inverno nè l’éstàt èl la mangia mìa èl luf
( Ne l’inverno ne l’estate, ovvero caldo e freddo, non vengono mangiati dal lupo, ma tornano puntuali in ogni anno anche se in modo irregolare)

Quando la lüna la ga la curùna la nef la se muntùna
( Quando la luna ha la corona la neve si ammucchia, presagio di nevicata )