Péghèr come la sòn
( pigro come il sonno, lentissimo )

Sa come n’cornàl
( sano come un albero di corniolo, sanissimo )

Sa come n’ gròp dè ruèr
( sano come il nodo di una quercia, sanissimo)

Endré come i bò
(indietro come i buoi, molto ignorante)

Pacific come èn durt
( pacifico come un tordo, tranquillissimo )

Bu come èl tòsèch
(buono come il veleno , velenoso )

Maghèr comen’ ciot
( magro come un chiodo )

Sgiuf come öna rana
(Assai gonfio come una rana)

Disperàt come san Quintì
( disperato come il santo che a messa suonava la tegole perché non aveva neppure le campane)

Pié come ön öf.
(pieno come un uovo )

Svèlto come n’ pès
( velocissimo come un pesce)

Sbèndàt cone ön ladèr
( Lacero come un ladro, poverissimo )

Bröt come èl luf
( brutto come il lupo )

Catìf come l’ai
( di pessimo sapore, cattivo, come l’aglio)

Fürtünat come ön ca èn césa
( fortunato come un cane in chiesa, sfortunatissimo )

Bu come èl pa
(Buono come il pane )

Lonch come la Quaresma.
( Lunghissimo che non finisce mai come la quaresima )

Vért come la rüga
(verde come l’erba ruta, verdissimo )

Ros come èn pulì
( molto accaldato, rosso come un tacchino )

Zalt come èn capù
( Giallo come un cappone, ovvero assai giallo, sofferente di fegato )

Bianch come èl lat
( bianco, pallido come il latte )

Smort come öna pèsa laàda
( pallidissimo, come un panno lavato )

Negèr come l’inciòstèr
(Nero come l’inchiostro, assai nero )

Piö stunàt dè na campana scèpa.
( più stonato di una campana rotta )

Löstèr come ön spècc
( lustro come uno specchio )

Gròs come n’bò
( grosso, rozzo, come un bue )

Chì ?? Merda èn boca al Michilì !
( Che cosa ?? Merda in bocca a Michelino, risposta da dare agli scocciatori )

Che ura él ?? l’è l’ura de ger dè sta ura, piö tarde gna piö a bunura
( Che ora è ?? è l’ora di ieri a quest’ ora ne prima ne dopo ) anche :

L’è lura de cumprà l’relòi.                                                                                                                        ( è l’ora di comprare l’orologio )

Èndoè nét ? no sö le me gambe
( dove vai ?? sulle mia gambe )

Che mét portat ? I nigutì dàale pène rose.
( Cosa mi hai portato ? Il nigutì dalle penne rosse, risposta che si da ai bambini che chiedono insistentemente un regalo, ma non devono ricevere nulla )

Se tè ‘nduinèt chè che gò èn bigaröl, t’èn do öna grata.
( se indovini quello che ho nel grembiule, ovvero nulla, ten ne do un grappolo )

Éser négher dè dèbicc.
( essere nero per i debiti, pieno di…)

Fa l’öff fò dèl caàgn
( fare l’uovo fuori dalla cesta),

Tègner èl pè èn do scarpe
( fare il doppio gioco )

La par ön caalèt de la bügada
( è tanto magra che sembra un cavalletto per il bucato )

L’è bröta come èl sì
( brutta come il maiale )

No la maia gna l’ l’ lùff
( non la mangia nemmeno il lupo )

La ghà èl servèl den logarì
( ha un cervello talmente piccolo che sembra quello di un uccellino ).

La par öna saèta söl scagnèl
( è ferma immobile sullo sgabello e continua lanciare occhiate in giro come una civetta, senza dire nulla )

La fa ègnèr èl lat ai calcagn
( è talmente noiosa che fa venire il latte ai calcagni )

Èl ga tacàt vià èl capèl.
( si è sposato per interesse )

Èl gà gna fiöi gna cagnöi
(Non ha ne figli ne cani ovvero nessuno al mondo di cui occuparsi )

Èl par èl ritrat dè la fam.
( è talmente magro che sembra il ritratto della fame)

Èl fa èl mester del Michelass, mangià beèr e andà a spass
(è un fannullone, mangia beve e va a spasso )

L’è cunusìda come la Betònega
( la conoscono tutti co,e l’erba bettonica )

Èl ga la èt gna töta
( è talmente innamorato che non ci vede più ) anche:

l’è dét col cç e con i pè
( è dentro con la testa e con i piedi)

Èl val tata come èl du dè cope
( vale come il due di coppe, ovvero nulla )

Èl val come öna cica dè tabac
( vale come una cicca di tabacco o di sigaretta )

L’è ndré come le böbe 
( è indietro, sciocco, come le upupe )
L’è ndré come la targa dèl romorchio
L’è ndrè come èl car dèl fé
( è indietro, siocco, come un carro del fieno)

L’è na pèl dè cudighì
( è una pelle di cotechino, un furbo matricolato )

L’è svelto come ön gat dè marmo
( è veloce come una statua di un gatto in marmo )

L’è fàt zo come n’podèt moch
( e fatto con un falcetto, cioè è un tipo grossolano )

L’è tal e qual
( uno che sa fingere senza scomporsi )

L’è èntrech come èn òpol
( uno che non capisce nulla )

Èl nega èn dèn cügià dè aiva
( si lascia prendere del panico per nulla, annega in un cucchiaio di acqua )

L’è larch de boca e strèt dè ma
( largo di bocca e stretto di mano, promette ma non molla nulla )

L’è mia farina dè fa òstie
( non è uno stinco di santo )

No l’sé squasa gna a dài
( non si scuote neppure a muoverlo tanto è pacifico )

Èl va sèmpèr a röda
( va sempre a ruota è uno scroccone )

L’è èl sòc dèl maitì
( essere il bersaglio di scherzi e botte, in riferimento al punto della raganella” maitì” dove batte continuamente il percussore per produrre il caratteristico rumore )

Fa èl stopabüs
( essere chiamato a sostituire gli altri, tappabuchi)

ÈI la tìra come èn furmintì còt
( si allunga come uno spaghetto cotto, si lascia trascinare da chiunque )

Bisògna caàga le parole col rampì
( bisogna tirargli fuori le parole con l’amo, cioè è un tipo poco loquace )

Daga détèr a manèch möla
( dargli dentro al manico della mòla, lavorare con impegno )

l’è dè quarta segada
( è della quarta falciatura, si allude al fieno che quando si falcia per la quarta volta, ultima falciatura dell’ anno risulta di qualità scadente e quindi, per traslato si definisce con questo proverbio tutto ciò che è di qualità scadente )

Das la sapa söi pè.
( tirarsi la zappa sui piedi )

L’ è grasa che la cule
( è bene accontentarsi )

Tègnèr a ma le migole e maià fò èl bucù
( tenere a mano le briciole e perdere il boccone, ovvero risparmiare il poco per scialacquare il molto )

Faga sö öna crus
( farci sopra una croce, rassegnarsi a perdere qualcosa per sempre )

Daga l’aiva al mar
( dare l’acqua al mare, dare a chi non ne ha bisogno )

Ghé manca la tèra sota ai pè
( gli manca la terra sotto i piedi, è un avaro )

Restà n’ braghe dè tela
( ritrovarsi in difficoltà, con i pantaloni di tela, troppo leggeri )

Lamentàs dèl bröt gras
( lamentarsi dell’abbondanza )

Fa i guadagn dè Napoleù a mosca
( Rimetterci di tasca propria, come Napoleone e Mosca nella campagna di Russia)

Èl düra gn dè Nadal a Sant Stéfen
( Dura pochissimo come da Natale a S. Stefano )

Èl capés na aca pèr èn bò
( capisce una mucca per un bue, ovvero capisce il contrario )

Èl crès col böt èn zó
( cresce con il germoglio verso il basso, è sottosviluppato )

Tirà piö gna cope gna bastù
( non tirare più ne coppe ne bastoni, in riferimento al gioco delle carte, nel senso di uno che non ha più forze per fare nulla )

Stà sö co le sforsèle
( reggersi in piedi con le forcelle, o le stampelle )

Pasà pèr èl büs dè la ciaf
( passare per il buco della serratura, cioè essere promossi a scuola con la sufficienza)

La gha maiat i libèr la aca
( gli ha mangiato i libri la mucca , ha lasciato gli studi per incapacità )

L’è bù de fa gna O col bicér
( non sa scrivere la lettera o neppure usando il bicchiere capovolto come forma )

Salvas piö gna nèl patilù dèl Vèscof
( non salvarsi neppure nei pantaloni del vescovo, probabilmente riferito all'antica consuetudine di dare l’immunità a coloro che si rifugiavano i chiesa; in questo caso indica l’impossibilità a trarsi d’impiccio ).

Ciao Pì che te spète a óbèt
( ciao Pino, Giuseppino o Giuseppe, che ti aspetto al funerale, si indica una lunga e spesso inutile attesa ).

Èmpantàs söl giàs
( bloccarsi sul ghiaccio, ovvero trovarsi in difficoltà )

Esèr al camp dèle sèt pèrteghe
( Ritornare al punto di partenza, essere al campo delle sette pertiche )

Sé strèns le stròpé
( I nodi vengono al pettine, si stringono i legami ovvero le stòpè erano quei rami flessibili che si impiegavano per legare le fascine di legna ).


Scapì Signor che ghè che i müradùr
( scappate Signore che ci sono i muratori, inteso che i muratori sporcano dappertutto ).

Par ènfina che ‘l gape pisàt èn cesa.
( sembra persino che abbia pisciato in chiesa, da tanto che è sfortunato ).

Iga èl fughèto.
( avere una gran fretta )

Ésèr un manèch dè scaldalèt.
( essere un manico di scaldino, in riferimento a individui particolarmente irritabili )

Ésèr come la tempesta dè mas
( essere dannoso come la grandine di maggio ).

Daga al luff che l’è pilùs
( picchiare il lupo perché è peloso, infierire contro chi ha cattiva reputazione )

Èl gha pora del föm dèi gnòc.
(Aver paura di tutto, del fumo degli gnocchi )

Na a Roma sensa edèr èl Papa.
( Concludere male un azione iniziata bene, come andare a Roma senza vedere il Papa )

Üliga i sa e i macc
( Servire sia i sani che i malati, nel senso di volerci del bello e del buono per arrivarne a capo)

Mandà da Eròde a Pilato
( Mandare qualcuno da una persona all'altra senza trarre giovamento o conclusione )

Ghè tata aìva dal put ala Mèla come dala Mèla al put.
( le posizioni si equivalgono, c’è tanta acqua dal ponte al fiume Mella come da questo al ponte )

L’è na scarpa e ‘n söpèl
( sono cose scombinate come una scarpa e uno zoccolo )

Fa sta zo èl fiat
( annoiare, impedire di respirare )

Daga èl didì èn boca
( dare il ditino in bocca, quando un prepotente viene battuto da uno inferiore )

Iga mia tacat sö èl bigol con nisü
( senza obblighi o legami con qualcuno )

Èl ga èl cül che ‘l va bé èn töte le braghe
( ha il sedere che va bene in tutte le braghe, è un opportunista )

L’oio bu èl vé sèmper a gala
( L’olio buono viene sempre a galla, la verità prime o dopo si conosce )

Èl va vià coi angèi
( e svagato, smemorato )

Töcc i macc i gha i sò acc
( tutti i matti fanno i loro atti, ognuno ha le sue manie )

Soràs èl magù
( Liberarsi il gozzo, sfogarsi )                                                                                                                         

Èl me na dat na söpa
( Me ne ha dato una zuppa, mi ha annoiato )

Tacà la predica
( iniziare la solita solfa )

Piàs i dicc
( mordersi le dita, pentirsi )

Éser èn po söl pom èn po söl per
( essere indecisi, un poco sul melo un po sul pero )

Sercà al Marta treizana
( cercare la Marta trevisana, cercare grane o cose impossibili )

Mitìla zo düra
( dare importanza fuori misura ad una cosa )

L’è grant e s’ciao
( è grande e sciocco )

L’è mèi piegàs che scaèsass
( Meglio piegarsi che rompersi, scegliere il male minore )

L’è mèi ferit che mort
( meglio ferito che morto )

Fa la bóca larga
( Compiacersi della propria situazione favorevole )

Fa aparì dè fa aparènsa
( fingere di fingere )

Ragagnà sö col nas
( storcere il naso, per il disappunto )

So mia nasìt söl solér
( non sono nato sul solaio, ingenuo come sembro )

La ghéra rizù chèla ècia a mia ulì mörèr
( Aveva ragione quella vecchia che non voleva morire perché c’è sempre da imparare qualcosa di nuovo )

Le marèe le ve e le va, le va ‘n boca a chi i a fa
( Chi mette in piazza gli affari degli altri prima o poi la paga )

Me ‘n fó marsa maraèa
( mi meraviglio moltissimo )

Mangià èl pa pintìt
( pentirsi o ravvedersi tardi )

Catà chèl dèl formai
( Trovare che è più potente, chi te la fa pagare di più come il prezzo dèl formaggio )

Dèsquarcià i altarì
( Palesare i fatti degli altri )

Fa èl surt per mia pagà èl dase
( fare il sordo per non pagare il dazio, fingere di no udire per evitare impegni )

Sercà èl frèt per èl lèt
( cercare il freddo per il letto, complicarsi la vita )

Maià col co nèl sach
( Come mangia l’asino , con la testa nel sacco, che non si cura da dove provenga il cibo, così è vivere senza farsi particolari problemi )

I sbaglia a i précc a dì mèsa
( sbagliano anche i preti a dire messa: tutti possono sbagliare )

Pisà fò de la secia
( pisciare fuori dal secchio, si dice questo di chi, solitamente avaro, fa un gesto di inusuale generosità )

Daga la caròta a l’ asèn
( dare la carota all'asino. Ovvero dare qualcosa di pregiato a chi non lo merita )

Ighèn gna ü
( non averne neanche uno, essere al verde )

Ìga anche èl lat dè la galina
( avere anche il latte dalla gallina )

Iga èl cül èn dèl botér.
(avere il sedere nel burro) Navigare nell'abbondanza.

L’è öna butìga dè saàtì
( è una bottega di ciabattino, riferito a come gli anticlericali definivano le chiese in tempi passati )

Iè töcc filacc zo dè na ròca
( sono tutti uguali della stessa razza, filati con lo stessa rocca )

Èl se la ciàpa mia tat calda
( non se la prende troppo ).

Pèr nò saì gna lezer gna scrièr.
( per non sapere ne leggere ne scrivere: Mettersi al riparo da ogni sorpresa )

Cunsàcc ol peèr e sal
( Conditi con pepe e sale, conciati per le feste)

Ghè pasàt san Giosèp
( E’ passato San giuseppe. Si dice ad una ragazza alludendo al suo seno e alla pialla usata dal Santo falegname ).

Laurà pèr la césa dè Adèr
( lavorare per nulla ) La chiesa di Adro ( BS ) era famosa per le lungaggini che ne ritardarono di molto l’edificazione.

Tègner a ma.
( Tenera a mano, risparmiare )

Ciapà i solcc co le ma dedré.
( accontentarsi di ciò che si riceve: prendere i soldi con le mani dietro , ovvero senza vederli)

Iga gna ura gna baciòcol
( non avere orario: senza orologio ne rintocco di campana, )

Quand’ l’è sera l’è n’co dèl dé.
(Alla sera il giorno è finito: si allude a che non bada ai risultati del lavoro ma solo alle ore della giornata che passano )

So mia fiöl del la sguèrsa
( non sono figlio di una strabica: non sono tipo da farmi imbrogliare )

O èndem o tendem
( Gli affari vanno curati )

Questiù dè palànché
(quando si parla di interessi)