“Ve a cà! ” - el ma dizia mé nono
ogni olta che nàe en seminare,
“Ve a cà, se ta pòdet, sta mia de lons
dùdes fòi entréch de lönàre ! -"
Isé co’ le memorie, ma tirae dré ‘l sò magù.
Da ‘na banda el Signùr che rozegàa:
“Möèt a stüdià, fa mia ‘l pelandrù
ta ocóret a la zènt che gha bisògn ! ”

Da l’otra lü, che parìa en tontógn:
“Ve a cà, bözerì, turna ‘ndré
apò ‘l tò nono ‘l gha bisògn de té ! ”
e lé ga s’empisàa ‘na falia de speransa
se ma fermae, per quach dé de acansa.

Gho ciapàt Mèsa, só deentàt prét,
e lü con rasegnasiù el ma dizia:
“ Èco ‘l mé cüràt, la mé pasiù! .."
coi öcc empianzolécc de nostalgia.

Èncö só ché, só nìt a cà,
per binidìl e compagnàl … de là …
e lü pörtròp el ma vèt mia …


T O R N A

“Torna” mi diceva il nonno
ogni volta che andavo in Seminario,
Così con i ricordi portavo via la sua tristezza.
« Torna,se puoi,non stare lontano
un anno intero ! »
Da una parte il Signore che ripeteva:
“Sbrigati a studiare,non bighellonare
servi alla gente che ha bisogno!”

Dall’altra lui come un brontolone:
“Torna scriciolo mio,dammi retta
anche il tuo nonno ha bisogno di te!”
ed un barlume di speranza si accendeva in lui
se mi fermavo qualche giorno di vacanza.

Sono divenuto Sacerdote,dico Messa
e lui quasi rassegnato a dirmi:
“ Ecco il moi curato e la mia passione ”
con gli occhi lucidi di malinconia.

Oggi sono tornato,sono a casa
per benedirlo e accompagnarlo al camposanto
lui,purtroppo,non mi vede…