Gho ulìt responder en bèl dé a mé fiöla
che la ulia saì come le fàa a zögà
le pütine de ‘na olta
finicc i compit dopo la scöla
 
Le zögàa a pöe, come al dé de ‘ncó
ga piazia apò alura fa le Mame,
le sa mitia i tach e le sotane
e scundia i caèi nel fular söl có.
 
Le pöe de pèsa, ga j ho ‘n mènt amò
sebé che de agn ga n’ó mia sento,
de picinina, quate n’ho fàt fò
perché lia l’unic diertimènt.
 
Embirulàem la pèsa come ‘n salamì
per faga piö rotond el mostasì
con ucia e réf, cuzìem boca e nàs
e per caèi, ga mitiem bombàs.
 
Stenche le gambe, stenc i brasì,
enfilsàem dù corai per ücì,
ga fàem de lana el vistidì piö bel
se a la nona ga cispàem en gamesèl.
 
E ghia mia en giro ‘na pütina
a zögà sensa la sò püina,
certo ia mia bèle come chèle de adès
stampade a machina dal progrès
 
le nòste iera pöe sensa espresiù
ma iera töta la nòsta zoentù
e le regordem con nostalgia e alegrèsa
sebé che iera sul… pöe de pèsa.
 
 
 
LE BAMBOLE IN PEZZA
 
 
Così ho risposto a mia figlia un giorno che chiedeva come giocassero le bambine una volta, dopo i compiti scolastici.
Giocavano a bambole, come oggi- amavano fare le mamme-si mettevano  tacchi e gonne nascondendo i capelli in un foular-
Ricordo ancora le bambole in pezza- sebbene non abbia ancora cent’anni, da piccola quante ne ho preparate –era l’unico divertimento-
Arrotolavamo la tela come un salamino-per far loro il viso rotondetto-Con ago e filo cucivamo naso e bocca- per capelli usavamo bambagia-
Tese gambe e braccia- e per occhietti due coralli- facevamo il vestitino bello con la lana rubata ai gomitoli della nonna-
In giro non c’erano bambine senza la propria bambolina-Non erano come quelle moderne- le nostre erano bambole inespressive- ma rappresentavano la nostra infanzia-Ora le ricordiamo con allegra nostalgia, sebbene fossero solo bambole in pezza.