Fii d’erba  sitii
che crès  a  ria dei fòs
e  i  sa  slonga  per  speciàs,
ma  a  la  prima  piena
i sa  lasa  trà  aturèn come bösche
 
Bòcioi de fiur
che dopo l’öltèm  bazĭ  de  la rozàda
i  s’embreaga de sùl
e   i pasés a  la  svelta
 
Noèi de nĭ
che  pröa   a  ulà  sensa  la  màma
e  i  se n’incors  mia  del  gat
che gha fa la pòsta
 
Finestre
che  sa  spalanca  söl  mond
apò  col  frèt  de  l’envéren
 
Fiöi che va
e per  te   l’è  zabèle  sera
amò prim del tramontà…
 
 
 
FIGLI CHE VANNO
 
 
Fili d’erba sottili - crescono a riva del fosso - si allungano sper specchiarsi - ma alla prima piena - si lasciano trasportare come fuscelli - Boccioli di fiori - che dopo l’ultimo bacio della rugiada - si ubriacano di sole e appassiscono in fretta. - Novelli di nido – che provano a volare senza mamma - e non si accorgono del gatto - che li aspetta, - Finestre che si aprono sul mondo - anche col freddo dell’inverno. - Figli che vanno – e per te è già sera - ancora prima del tramonto.