(dedicata alle mie figlie Marzia e Federica)

En usilì picinì picinì apena nasit
sùl mè pozòl stamatina el m'è aparit

co le sò aline èl tentao de ulà
e co' el sò sistema de pròà e ripròà
el m'ha dat ena lisiù de vita
chè pòdarò mai desmentegà.

Gares vulit aidal, el mè daò pena
el someaò enfina ligàt a ena cadena
ma la sò òia de ulà
l'era piò forte e granda dè la me cà

Isè picinì
isè tapatì
el mè robava el còr chel paserì

ma gò dusit lasal lè sul,
sensa pudì sfioraga gnanche òna sanfina
perchè la sares stada prope chela, la sò ruina

chè soferensa dusì endà a laurà
con chel penser de teneresa èn dèl còr,
ma quan che ala sera sò turnada a cà
sò curida sùbet sòl pozòl per controlà,

èl ghera piò
èl ghel'era fada
l'era vulat nel ciel

è con sodifasiù è un grupù dè emusiù
gò pensat ala felicità dè la sò mama....


Antonella Luisa Cattaneo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Passerino

Un uccellino piccolino piccolino appena nato
sul mio balcone stamattina mi è apparso,

con le sue piccole ali tentava di volare
e con il suo sistema di provare e riprovare
mi ha dato una lezione di vita che non potrò mai dimenticare.

Avrei voluto aiutarlo, mi dava pena
sembrava perfino legato ad una catena
ma la sua voglia di volare
era più grande e grossa della mia casa.

Così piccolino
così tapatino
mi rubava il cuore quel passerino

ma ho dovuto lasciarlo lì solo
senza potergli sfiorare neanche una zampetta
perché sarebbe stata proprio quella, la sua rovina.

Che sofferenza per me, dover andare a lavorare
con quel pensiero di tenerezza nel cuore,
ma quando alla sera son tornata a casa
sono corsa subito sul balcone per controllare,

non c'era più
ci era riuscito
era volato nel cielo

e con soddisfazione ed un gran nodo alla gola di emozione
ho pensato alla felicità della sua mamma.....