Apena té dérvet la pòrta per nà deter dal Penéla
te rìa òna gran vampada de fòm e òna talarina dè nebbia
ché te toca sùbet fregà zò i òcc è deentà tòta stròbbia
 
Iè sintacc sò tocc ale taòle e ai taulì
è ghè gnanche en posto liber nè òna scagnela
ale dudes é meza a l'osteria del Penéla
 
En cuciù con gran concentrassiù
per zugà a la mùra o a tre sètt
ghè mìa el tep dè vardà
chèl che l'è re a sùcidì en del paess a Zenà (zanano)
 
L'era stada la mè biss nona la prima ostera
la sciura Barberina
che alùra a chei tep, un secol sent'agn fà
tè pudiet mangià sò chele panche
un gran piatù de minestrù con un bicer de vì, per dò palanche
 
Sto òmm, tei sentarè anche a usà é a discuter con animassiù
a tirà zò parolasse a rota de còll
ènfina a picà zò i pegn sù le taole
ma en chei mùr, en chele stanse se empara le lisiù del viver co le creanse
che gnanche tòcc i professur de l'università i pòdares mai ensegnà
 
ma le fonne, lùre le sé lamenta semper perchè i sò òmm ié mai a cà
e le gà risù !!!
ma el Penela l'è mìa en osterìa, l'è en'istitusiù
endò l'amicizia la sè forgia e la sè liga
e nò la fà nesùna distinsiù
tra sciòr e poarèt, tra operaio e padrù
l'è l'amicizia nèta, chela del paess
che chi va zò al Penela, chesto i la capess
 
 
Antonella Luisa Cattaneo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
 
Appena apri la porta per entrare all'osteria del “Penela”
ti arriva una gran vampata di fumo ed una sottile coltre di nebbia
che sei costretta a sfregare gli occhi e diventare tutta scura
 
Sono tutti seduti alle tavole ed i tavolini
e non c'è un posto libero o una seggiola
alle dodici e mezza all'osteria del Penela
 
Accucciati con gran concentrazione
per giocare alla mura o a tre sette
non c'è il tempo per guardare
cosa sta succedendo nel paese a Zanano
 
Era stata la mia bis nonna la prima ostessa
la Signora Barberina
dove un secolo cent'anni fa potevi mangiare su quelle panche
un gran piattone di minestrone con un bicchiere di vino per due spiccioli
 
Questi uomini, li sentirai anche a urlare e a discutere con animazione
a dire parolacce continuamente
e perfino a picchiare pugni sui tavoli
ma tra quei muri, in quelle stanze, si imparano le lezioni del vivere con le creanze
che neanche tutti i professori dell'università potrebbero mai insegnare
 
Ma le donne, loro si lamentano sempre, perché i loro uomini non sono mai a casa
e hanno ragione !!!
Ma il “Penela” non è un osteria, è un istituzione
dove l'amicizia si forgia e si lega
e non fa nessuna distinzione
tra ricco e povero, tra operaio e padrone
è l'amicizia pulita, quella del paese
che chi va giù al “Penela” questo lo capisce