LA ECIA CUCHINA
 
La ècia cuchìna
La salta èn cuzìna
La ciapa èl cortèl
La scàna l’ozèl
La n’tasta n’ bucù
La dis che l’è bu
La n’tasta n’tochèl
La dìs che l’è bèl.
 
LA VECCHIA CUCCHINA
(personaggio fantastico che stava sul fondo dei pozzi per ghermire i bambini)
Salta in cucina
Prende il coltello
 Scanna l’uccello
Ne assaggia un boccone
E dice che è buono
Ne assaggia un pezzetto
E dice che è bello.
Ciapa l’tram balùrda
 
Ciapa l’tram balùrda
Ciapèl te che me so surda
Trichètè trac lasìl andà
Trichètè trac lasìl andà.
 
Prendi il tram balorda
Prendi il tram che io sono sorda
Trichete trac lascialo andare
 
Burtulì pötàna
 
Burtulì pötàna
Chè ghét fat àla mé Mariana?
Go dat èn spisighì
Can dèla mèla d’èn Burtulì.
 
Bortolino puttana
Cosa hai fatto alla mia Marianna
Le ho dato un pizzicotto
Disgraziato di un Bortolino.
 
Ghéra na olta n’òm
 
Ghéra na olta n’òm
Dèré dèl Dòm
Col sciòp èn spala
Goi dè cüntala ?
 
 
C’era una volta un uomo
Dietro al duomo
Col fucile in spalla
Devo raccontarla??
( se i bambini dicevano di si, si riprendeva da capo )
 
 
Gh’èra öna ólta
 
Gh’èra öna ólta
Piero se ólta
Èl sé ultàt
Èl s’è piö troàt
 
 
C’era una volta
Piero si volta
Si è voltato
E non si è più trovato.
 
Trutusèla caalù
 
Trutusèla caalù
Dèla Mèla dè Gardù
Dèla Mela dè Inzì
Trutusèla caalì
 
 
Trotterella cavallone
Del Mella di Gardone
Del Mella di Inzino
Trotterella cavallino
 
Trutulì che trutulàa
 
Trutulì che trutulàa
Sènsa gambe caminàa
Sensa cül èl se sèntàa
Poarì come l’ fàa?
 
 
Trottolino che trottolava
Senza gambe camminava
Senza sedere si sedeva
Poverino come faceva?
 
Carnèàl èl gh’a rot èl co
 
Carnèàl èl gh’a rot èl co
Damèl a mé che ghèl giöstaró
Cóla ucia e col didàl
Viva, viva èl carneàl.
 
Carnevale ha rotta la testa
Vieni da me che te la riparo
Con l’ago e il ditale
Viva viva il carnevale
 
 
 
 
Caterina ula èn ciél
 
Caterina ula èn ciél
Che tè spèta èl tò Michél
Che l’tè spèta èl tò ghidàs
Ùla, ùla scareàs.
 
Coccinella vola in cielo
Che ti aspetta il tuo Michele
Che ti aspetta il tu padrino
Vola vola maggiolino.
 
Gri, gri, vé ala pórta
 
Gri, gri, vé ala pórta
Che tò madèr l’è morta
Che tò padèr l’è ‘n prisù
Pèr ön grà dè furmintù
Per ön grà dè mèi
Cór che i ciàma i tò fredèi.
 
Grillo grillo, vieni alla porta
Che tua madre è morta
Che tuo padre è in prigione
Per un chicco di granturco
Per un chicco di miglio
Corri che ti chiamano i tuoi fratelli
 
Bèla manina
 
Bèla manina
Èn doè sét stàda
Dàla nunìna
Che t’àla dat ?
Pa e cicì
Cri, cri, cri.
 
Bella manina ( accarezzando la mano)
Dove sei stata
Dalla nonnina
Cosa ti ha dato
Pane e ciccia
Cri cri cri….
 
Ücì bèl, Sò fradèl
 
Ücì bèl, Sò fradèl
Uricìna bèla, Sò sorèla
Buchìna dè frà
Campanilì dè sunà
 
 
Occhietto bello, suo fratello
orecchietta bella, sua sorella
bocchina di frate
campanellino da suonare (si strizza il naso)
 
 
 
Chèsto l’è burlàt èn dèl pos
 
Chèsto l’è burlàt èn dèl pos
Chèsto èl l’ha tiràt sö
Chèsto èl l’ha frégàt zo
Chèsto èl ghà fat la panàda
E chèl picinì èl l’ha mangiàda.
 
 
Questo è caduto nel pozzo
Questo lo ha tirato su
Questo l’ha asciugato
Questo gli ha fatto i, pancotto
E quello piccino lo ha mangiato.
( Si recitava indicando una per una le dita della mano o del piede, dalla più grande alla più piccola ).
 
Lömaga lömaghì
 
Lömaga lömaghì
Casa fò i cornacì
Lonch lonch
Come la cua dèl colómb
Lömaga lömaghì
Càsa fò i cornacì
Sé tè i casèt mia föra
Tè sböte nèla sariöla.
 
Lumachina lumachina
Manda fuori i cornetti
Lunghi lunghi
Come la coda del piccione
Lumaca lumachina
Manda fuori i cornetti
Se non li mandi fuori
Ti butto nel canale.
 
 
Ùla ùla usilì
 
 
Ùla ùla usilì
Ùla ula canarì
Ùla ùla beccostorto
Ùla ùla cane morto.
 
Vola vola uccellino
Vola vola canarino
Vola vola beccostorto ( Crociere)
Vola vola cane morto
( usato per testare i riflessi dei bambini che dovevano muovere il dito solo al sentire la parola uccellino )