Sich sach
 
Sich sach
dè sòch sèch
a sècà söl me solér.
 
 
Cinque sacchi
Di ceppi secchi
A seccare sul mio solaio
 
Tè chè tè tachèt i tach
 
Tè chè tè tachèt i tach
Tachèm i tach a mé
Me tacat i tò tach a tè ?
Te chè tè tachèt i tach?
Tachètèi tè i tò tach.
 
 
Tu che attacchi i tacchi
Attaccami i tacchi
Io attaccare i tacchi a te
Che attacchi i tacchi ?
Attaccati tu i tuoi tacchi
 
Me öna olta nàe a Nae
 
Me öna olta nàe a Nae
Go èncuntrat èl prét dè Nae
Èl ma dìt endoè che nae
Me go dìt che nàe a Nae.
 
 
Io una volta andavo a Nave
Ho incontrato il prete di Nave
Che mi ha chiesto dove andavo
Io gli ho detto che andavo a Nave
 
 
 
 
 
 
Pim pom
 
Pim pom
La deri derom
Dé le pom
Marescialle i ghè
Resta sin pin èin
Dele scintillè.
   
 Intraducibile
 
Aloì aloè
 
Aloì aloè
Che tamorè
Che taprofita lusinghè
Tulilèm blèm blèm
Tulilèm blem blem.
 
Intraducibile
 
 
Sant Antoné da la barba bianca
 
Sant Antoné da la barba bianca
Fam troà chèl ché me manca
Se tè mél fet mia troà
Ghèl disaro al me bubà
 
Sant Antonio dalla barba bianca
Fammi trovare quello che mi manca
Se non me lo farai trovare
Lo dirò al mio papà
San Gioàn
 
San Gioàn
Fim troà l’èngàn.
 
 
San Giovanni
Fammi trovare l’inganno
 
 
Cip paì
 
Cip paì
Lana bombàs
Föra tè
Che tè set
èl piö gras.
 
 
 
Cip paì
Lana bambagia
Fuori tu
Che sei
Il più grasso.
 
Zigo zago
 
Zigo zago
Salta föra èl mago
Cola pipa èn boca
E mé go fat negóta
E lü èl ma fat strimì.
 
 
Zigo zago
Salta fuori il mago
Con la pipa in bocca
E io non ho fatto nulla
E lui mi ha fatto spaventare.
 
Toné belone
 
Toné belone
Èn font ala scala
Èn font al scalù
Ciapa la bala
Ciapa èl balù
Toné schitù.
 
 
Tone belone
In fondo alla scale
In fondo allo scalone
Prende la palla
Prende il pallone
Tone schittone.
Sant Antóne dèl campanèl
 
Sant Antóne dèl campanèl
Disìm a mé
Qual l’è èl piö bèl
Èl piö bèl l’è chèsto ché.
 
 
Sant'Antonio del campanello
Dite a me
Quale è il più bello
Il più bello è questo qui
 
Un due trè La Pèpìna la fa l’cafè
 
Un due trè
La Pèpìna la fa l’cafè
La fa èl cafè cola ciocolàta
La pèpina l’è meza mata
Lìè mèza mata col dutùr
La pèpina la fa l’amùr
La fa l’amùr con tanta zènt
La Pèpina ghe döl èl dènt
Ghé döl èl dènt ganasàl
La pèpina la va a l’ospèdal.
 
 
Un due tre
La Peppina fa il caffè
Fa il caffè con la cioccolata
La Peppina è mezza matta
È mezza matta con il dottore
La Peppina fa l’amore
Fa l’amore con tanta gente
Alla Peppina duole un dente
Duole un dente molare
La Peppina va all'ospedale.
 
Santa Lucia la paserà
.
Santa Lucia la paserà
Cola borsa dèl papà
Cola borsa dèl pìpì
Bianch e ros e risulì
 
Santa Lucia passerà
Con la borsa del papà
Con la borsa del bambino
Bianco rosso e ricciolino
 
Gü du tré
 
 
Gü du tré
La metà dèl ventetré
La metà dè l’anguìla
Gü du tremìla.
 
Uno due tre
La metà di ventitré
La metà dell’anguilla
Uno due tre mila
 
Sota la capa dèl camì
 
Sota la capa dèl camì
Ghéra ön vècio cuntadì
Chè l’ sunaa la chitàra
Pim pum sbara
 
Sotto la cappa del camino
C’era un vecchio contadino
Che suonava la chitarra
Pim pum sbara.
 
Lónga longa filéna
 
Lónga longa filéna
La mama la fa dè sena
Èl bubà èl fa i gnòch
Per daghèi ai so pitòch
Pitòch pituchì
Salta fò èl surighì.
 
 
Luna Lunga filena
La mamma prepara la cena
Il papà fa gli gnocchi
Per darglieli ai suoi pitocchi
Pitocco, pitocchino
Salta fuori un topolino.
 
 
 
 
 
Piöf Piöf
 
Piöf Piöf
la gata la fa l’öf
èl micì èl crida
la gata la sé marida
la se marìda sota i copp
èl micì èl sa negott.
 
Piove piove
La gatta fa l’uovo
Il gattino piange
La gatta si sposa
Si sposa sotto le tegole
Il gattino non sa nulla
 
Guarì guarì
 
Guarì guarì
Sé èl guarés mia enchö
Èl guareserà domà.
 
Guarire, guarire
Se non guarisce oggi
Guarirà domani.
 
Piero Piero
 
Piero Piero
l’è nàt a fa l’erba
Èl sé mpiniìt le braghe dè merda
La so mama l’è nada a töl
La sé mpinìda
Èl bigaröl.
 
Piero Piero
È andato a fare l’erba
Si è riempito la braghe di merda
La sua mamma è andata a prenderlo
Si è riempita
il grembiule
Din dòn belelòn
 
Din dòn belelòn
Töte le ècie
Deré dèl Dòm
Giöna la file
L’otra la cús
L’otra la spèta
èl sò murùs
èl so murùs
l’è nat èn piàsa
a eder chi chè pasa.
Ghè pasàt ön omasì
Cole gambe söl cupì
Cola pipa sota l’nas
La polenta la ghe piàs
La ghe piàs co le patate
Cic e ciac söle cülate.
 
Din don belelon
Tutte le vecchie
dietro il duomo
una fila
l’altra cuce
l’altra aspetta
il suo moroso
il suo moroso
è andato in piazza
a vedere chi passa
è passato un omettino
con le gambe sulla nuca
con la pipa sotto il naso
la polenta gli piace
gli piace con le patate
cic e ciac sulle chiappe.