Trènta quaranta
 
Trènta quaranta
La galìna Canta
La canta söl solér
Èl solér l’è a Roma
Va a ciamà la padrona
La padrona l’è èn stàla
Va a ciamà la caàla
La caàla l’è èn giardì
Va a ciamà èl gioanì,
Gioanì l’è söi copècc
Tirèl zo per i gambècc
I gambècc i ghe fa mal
Tirèl zo per la camìsa
La camisa l’è töta rota
Cichète ciachète söla cülata.
 
Trenta quaranta
La gallina canta
Canta sul solaio
Il solaio è a Roma
Va a chiamare la padrona
La padrona è in stalla
Va a chiamare la cavalla
La cavalla è in giardino
Va a chiamare Giovannino
Giovannino e sul tetto
Tiralo giù per le gambette
La gambette gli fanno male
Tiralo giù per la camicia
La camicia è tutta rotta
Cichete ciachète sulla chiappa
 
 
Trenta, quaranta Töt èl mont èl canta
 
Trenta, quaranta
Töt èl mont èl canta
Canta èl gal
Respont la gal’na
Francesca ala finestra
Con tgre culur èn testa
Bianc ros e vert
Vért come la sèla
La mé nurusa bèla.
 
 
Trenta quaranta
Tutto il mondo canta
Canta il gallo
Risponde la gallina
Francesca alla finestra
Con tre colori in testa
Bianco, rosso e verde
Verde come la sella
La mia morosa bella
 
Cantom chèla
 
Cantom chèla
Culur canèla
Che a cantàla
L’è sempèr chèla
 
 
Cantiamo quella
Color cannella
Che ha cantarla
È sempre quella
 
Se tè ghét fam
 
Se tè ghét fam
Grata èl scagn
Se te ghét sét
Va a canét
Che ghè ön asèn
Che pisa l’azét.
 
 
 
Se hai fame
Gratta la seggiola
Se hai sete
Vai a Canneto ( Canneto s/o)
Che c’è un asino
Che piscia aceto
 
Trenta quaranta. Le pegore le canta
 
Trenta quaranta
Le pegore le canta
Le canta söl senteér
Le ciama èl pegorér
Pegorér l’è a Veruna
La ciama la so padrùna
So padrùna l’è n’dèl stal
A ciamà èl so caàl
So caàl l’è nel giardì
A ciamà Gioanì
Gioanì Gioanèla
Capitano dèla guèra
Capitano dèi soldàcc
Gioanì maia gacc.
Töcc i gacc i ghà la cua
Cori cori a casa tua.
 
 
Trenta quaranta
Le pecore cantano
Cantano sul sentiero
Chiamano il pecoraio
Il pecoraio è a Verona
Chiama la sua padrona
La padrona è in stalla
A chiamare il suo cavallo
Il suo cavallo è nel giardino
A chiamare Giovannino
Giovannino Giovannella
Capitano della guerra
Capitano dei soldati
Giovaninno mangiagatti
Tutti i gatti hanno la coda
Corri corri a casa tua.
 
Èn sté contrada ghè l’erba mènta
 
Èn sté contrada ghè l’erba menta
Chè i pöcc a fa l’amur
I sé ndormènta
No i sé ndormènta per dormire
Ma perché non sanno quel che dire.
 
 
In questa contrada c’è l’erba menta
Gli scapoli a far l’amore
si addormentano
non si addormentano per dormire
ma perché non sanno cosa dire.
 
A fa l’amur coi pöcc
 
A fa l’amur coi pöcc
Sé pèrt la virtù
I gha le gambe storte
E le braghe a penzulù
Ma me ghé so èl reméde
Dè faghèle sta sö
Quatèr bruchitìne
E le braghe ia pèrt piö.
 
 
A fare l’amore con gli scapoli
Si perde la virtù
Hanno le gambe storte
E le braghe a penzoloni
Ma io so un rimedio
Per fargliele stare su
Quattro chiodi
E le braghe non perdono più
 
 
 
 
Gioanì pipèta
 
Gioanì pipèta lü ‘l se stéma
èl gha le scarpe rote e sensa söla
èl va èn serca dè murusa
ma nò la troa
quando ‘la là troàda
la ghè scapada
l’è scapada èn piasa
co la chitara…
chitara e chitarì
te salüde Gioanì.
 
 
 
Giovannino pipetta si da le arie
Ha le scarpe bucate e senza suola
Va in cerca della morosa
Ma non la trova
Quando l’ha trovata
Gli è scappata
È scappata in piazza
Con la chitarra
Chitarra e chitarrino
Ti saluto Giovannino
 
Èn sö, èn zo dè Magn
 
Èn sö, èn zo dè Magn
Coi süpilì fèràcc
La tètuline calde
I bèi mundì pelàcc
 
In su e in giù da Magno
Con gli zoccoletti ferrati
La castagne cotte
 le castagne lessate pelate
 
öl ghà fatt ön pastì e ön pastù
 
öl ghà fatt ön pastì e ön pastù
I mè na dàt gna ön bucù.
 
Ha fatto un impastino e un impastone
E non me ne ha dato neppure un boccone
( usata per terminare storie )