di Claudio Cazzago

caino.jpg - 8,20 kB

 

Partito di rosso e di argento alle due clave noderose di legno al naturale, poste in decusse, con le impugnature all’ingiù, la clava in sbarra attraversante.

Tale è la descrizione dello stemma civico approvato con D. P. R. 16 febbraio 1999 contrassegnato al registro araldico nazionale 26 marzo 1999 a pagina 39. Il medesimo stemma era in uso già precedentemente e le due clave incrociate si riferiscono evidentemente all’arma usata da Caino per uccidere il fratello Abele, contraddicendo sotto il piano figurativo e simbolico a quello etimologico di cui tratteremo nel seguente paragrafo.