Nei primi anni del secolo XV Pandolfo Malatesta, condottiero al soldo dei Visconti e Signore di Fano e della Marca di Ancona, giunse nel Bresciano preparando il terreno con blandizie anche nei confronti dei Valtrumplini. Tra questi favori e privilegi è di fondamentale importanza la licenza di commerciare in “ferrarezze”: ciò sta a dimostrare che in Valle Trompia la produzione di attrezzi in ferro era già all'epoca fiorente e che l’esportazione di tali prodotti costituiva una risorsa fondamentale per l’economia della zona. 
Anche grazie all'abilità politica, strategica e militare del Malatesta i Visconti poterono riprendere Brescia (15 marzo 1421).

 

Pndolfo-malatesta.jpg - 207,60 kB

Sigismondo Pandolfo Malatesta in preghiera davanti a San Sigismondo 

(Piero della Francesca-1451)